Privacy Policy
Condividi

Oggi voglio parlarvi di pause di consapevolezza. Di quelle pause che potete inserire nella vostra giornata per ritornare al presente, per calmare la mente e riposare lo spirito, per far chiarezza nei momenti di confusione e tornare connessi con ciò che è importante.

PAUSE DI CONSAPEVOLEZZA
PAUSE DI CONSAPEVOLEZZA

IL POTERE DI UNA PAUSA RIGENERANTE

Amo il mio lavoro, mi piace lavorare con le persone e mi piace fare quello che faccio e a volte è come se mi spingessi ad oltranza a non fermarmi anche se tutto mi dice che mi dovrei fermare un po’.
Non è nella nostra natura fermarci ad osservare ciò che proviamo, a notare come ci sentiamo, a prestare attenzione alle piccole cose intorno a noi, ad esaminare le sensazioni nel nostro corpo.
Al contrario delle pause pranzo o caffè, che fanno parte di una struttura bene precisa e ci vengono naturali, le pause di consapevolezza richiedono impegno e determinazione.

PAUSE DI CONSAPEVOLEZZA


Il primo passo è tornare nel corpo, osservando le sensazioni che proviamo, come ad esempio il contatto dei piedi sul pavimento, del corpo sulla sedia. 
Prestare attenzione al respiro, onnipresente ed indispensabile per la nostra sopravvivenza, l’aria che entra ed esce dalle narici. Riconoscere i pensieri che ci hanno allontanato, senza combatterli, ma semplicemente lasciandoli andare.
E infine ritrovare la connessione con ciò che ci sta attorno, con curiosità ed interesse.
Tornare nel corpo mi aiuta a superare i momenti difficili e ritrovare l’energia per affrontare gli ostacoli.
Le pause di consapevolezza sono diventate uno strumento indispensabile per il mio benessere‼

Leave a comment